Mercoledì, 14 Giugno 2017 12:23

[TESTO] Stella Nera (da Musicante, 1995). Significato del testo

Stella Nera è un brano di Pino Daniele che fa parte della track list dell'album Musicante, uscito nel 1984.

Significato
La canzone è un racconto "pittoresco" della vita che facevano in mare i contrabbandieri di sigarette, il cui contrabbando negli anni Settanta e Ottanta era una delle attività di punta della camorra.
In mazzo al mare aperto di notte, quando il tempo non passa mai per la paura di essere presi ("pè mare ‘o tiempo nun passa maje... è positivo e intanto sudano ‘e mmane"), i criminali vedono sempre più lontana la terra ferma ("‘a muntagna è luntana assaje.. ‘o mare se fa gruosso e arrassumiglia ‘o cielo") e temono sempre l'arrivo delle autorità ("Se vede quacche luce... e ‘a finanza nu se fa vedè’”).
Sempre in allerta e pronti a scappare dall’arrivo della finanza (“Penziere ‘e chi nun torna… miette tutte cose a buordo fuje e nu penzà’ a me…”), i contrabbandieri sanno di potere contare sugli altri ma che, in caso di arrivo delle autorità, ogni deve pensare a se stesso (“gente ‘e mare s’aiuta ma po’ ognuno penza a sé…”).

 

TESTO Stella Nera
Chella è na stella nera
chella è na stella janche
gente ca nun se tene
e sta senza penziere
pè mare ‘o tiempo nun passa maje
è positivo e intanto sudano ‘e mmane
Maronna e comm’e futo
ca nun se vede ‘o funno
me manca ‘o sciato e scengo
e intanto tengo mente
‘a muntagna è luntana assaje
‘o mare se fa gruosso
e arrassumiglia ‘o cielo

Se vede quacche luce
e ‘a finanza nu se fa vedè’
gente ‘e mare s’aiuta
ma po’ ognuno penza a sé…
Penziere ‘e chi nun torna
l’acqua è càura ma ched’è?
miette tutte cose a buordo
fuje e nu penzà’ a me…

Nascette miezo ‘o mare
forze int’a natu munno
scugliera senza sole
scengo sempe sulo
e ‘a muntagna è luntana assaje
‘o mare se fa gruosso
e arrassumiglia ‘o cielo

Se vede quacche luce
e ‘a finanza nu se fa vedè’
gente ‘e mare s’aiuta
ma po’ ognuno penza a sé…
Penziere ‘e chi nun torna
l’acqua è càura ma ched’è?
miette tutte cose a buordo
fuje e nu penzà’ a me…