Domenica, 20 Marzo 2016 20:37

[PRESS] Pino Daniele Day, festa per il maestro assente (da ilmattino.ti)

Palapartenope gremito per «Je sto vicino a te 61», secondo concerto grosso in memoria di Pino Daniele nel giorno del suo compleanno e onomastico. Presenti anche Marcello Colasurdo e Francesco Braccini. Il primo ha aperto con una tammurriata-esorcismo, il secondo, tra i protagonisti della prima edizione, ha voluto fortemente esserci anche quest’anno per misurarsi un un’inedita versione di «’Na tazzulella ‘e caffè».


Motore di tutto Nello Daniele, anche lui, come Enzo Avitabile e lo scrittore Maurizio de Giovanni, ha fatto da trait d’union tra la prima «autoconvocazione danieliana» del 19 marzo scorso, sessantesimo compleanno del Nero a metà, e quella di questa sera, sempre su invito: gli oltre tremila biglietti distribuiti gratuitamemte sul sito del Comune di Napoli sono andati esauriti in 11 minuti, alle 11.11 dell’11 marzo, coincidenza che ha spinto più d’uno a giocarsi il numero, insieme al 19, naturalmente.

Sorpresa meno gradita l’assenza di Joe Amoruso, che avrebbe dovuto completare con Rino Zurzolo, Tony Esposito e il grande Mel Collins una superband danieliana doc. Il tastierista ha dovuto dare forfait: ha una costola incrinata e non riesce a muoversi. C'erano invece, Joe Barbieri con la sua band, i Foja, Jovine, i Neri per Caso, Speaker Cenzou con il Nucleo per un significativo omaggio del contingente rap newpolitano all’Uomo in blues, costruito su un campionamento di una sua canzone.

Originale la costruzione della serata che, dopo la tammurriata di Colasurdo, ha visto salire sul palco i Mandolino Liberato, quartetto di plettri guidato da Mauro Squillante, che, dopo un’introduzione capace di tenere insieme Pink Floyd e Pino Daniele, è stato al fianco di Claudia Megrè («Putesse essere allero»), Monica Sarnelli («Lazzari felici»), M’Barka Ben Taleb («Anna verrà») e Valentina Stella («Senza ‘e te»). Poi le quattro vocalist saranno raggiunte sul palco da Nello Daniele per un’inedita versione di «Donna Cuncè». E il concerto è entrato nel vivo, riservando per il finale, con Daniele junior e Avitabile sul palco, gli hit ed i groove più amati.