[TESTO] E' Sempe Sera (da Vai Mò, 1981). Significato del brano

Il brano di Pino Daniele "E' Sempe Sera" è l'ultima traccia della track list di "Vai Mò", album pubblicato nel 1981.

Significato e curiosità

La canzone è inspirata alla tragedia del terremoto dell'Irpinia del 1980 che colpì la zona della Campania (e della Basilicata) causando circa 3000 morti: "Chisst'anno nun se po' scurdà, avuote 'e gira è seme sera..." ("Quest'anno non si potrà dimenticare così facilmente, gira e rigira sarà sempre sera") sintetizza perfettamente il periodo buio e difficile (la sera) che stava vivendo in quei mesi la popolazione campana.
Nonostante la voglia di riscatto ("... e' sempe 'ncuollo a voglia 'e dà'"), lo sconforto di una tragedia simile si ripercuote nelle piccole e grandi cose ("... ma i' mo' nun 'ngarro cchiù, nun 'ngarro cchiù a sunà").

Non a caso, la traccia dura esattamente come il tempo della scossa che la sera del 23 novembre 1980 si sentì in tutti i comuni campani.

Sembra che Pino registrò il brano per ultimo, a disco ormai pronto ma volle fortemente inserirlo come chiusura del disco "Vai Mò".

TESTO E' Sempe Sera

Chisst'anno nun se po' scurdà
avuote 'e gira è seme sera
ma c'amma fà pe' avè nu poco 'e bene
e' sempe 'ncuollo a voglia 'e dà
ma i' mo' nun 'ngarro cchiù
nun 'ngarro cchiù a sunà

Ma c'amma fà pe' avè nu poco 'e bene
e' sempe 'ncuollo a voglia 'e dà
ma i' mo' nun 'ngarro cchiù
nun 'ngarro cchiù a sun

Ultimo aggiornamento dell'articolo: 25/03/2022 - 11:00

NON PERDIAMOCI DI VISTA


Privacy Policy - Personalizza tracciamento pubblicitario